Museo del Bottone

    Articoli

    0
    549

    Museo del Bottone
    via Della Costa, Santarcangelo (Rn)

    apertura da martedì alla domenica
    orario invernale 10 – 12 / 15 – 18
    estivo dalle 10 – 12 / 16 – 18:30 / 21 – 23:30
    Ingresso offerta libera

    Gruppi di persone da 10 a 15 – 5 €
    sopra le 15 persone – 10 € / guida interna gratuita

    contatti telefono 0833 555819 – 0833 554843
    mobile 339 34 83 150 (Giorgio Gavallotti)

    www.bottoni-museo.it

    Il Museo del Bottone è un contenitore di storia, arte, design e cultura. E’ presente con grande successo in tutti i campi della cultura: la letteratura, perfino su un libro pubblicato dall’Università del Minnesota USA, con testo e tre fotografie; i convegni, ad alto livello, anche internazionali; le conferenze; le lezioni nelle scuole, dalla scuola primaria all’Università, da cui arrivano gli studenti per lo stage; alle televisioni nazionali e locali; alla radio nazionale e locale; le più importanti riviste di turismo, italiane ed internazionale, ma anche su altre riviste di grido come Wogue; i quotidiani, locali e nazionali; internet nei blog, su facebook, twitter e gogle+.

    Abbiamo avuto visite mirate perfino dalla Patagonia, dall’Australia, dal Perù, dal Cile, dal Brasile, dalla Cina, dal Giappone, per segnalare le nazioni più lontane. Nazioni, penso che rari santarcangiolese abbiano raggiunto con una attività culturale, unica al mondo che racconta quattro secoli di storia, dal 1600 al dicembre 2015, attraverso la simbologia del bottone. UNA SCOPERTA DI GIORGIO GALLAVOTTI, direttore e creatore del Museo del Bottone. Il bottone ha infinite facce di lettura, vi sono bottoni di ostentazione, di comunicazione, di seduzione, di provocazione, a luce rossa, del gossip, da lutto, del contrabbandiere, di superstizione e quello psicologico e virtuale sui rapporti fra uomini e donne. E’ questa scoperta culturale, la ragione di tanti successi. Un professore di storia dell’università di Treviso ha scritto sul libro delle firme “un inno all’arte ed alla storia” Una visita al Museo del Bottone è una esperienza indimenticabile.

     

    I Bottoni di Papa Francesco

    Fino a pochi giorni fa al Museo erano arrivati bottoni da 52 nazioni differenti! Da molti mesi pensavo cosa avrebbe potuto arricchire ulteriormente la mostra... Ne ho fatti arrivare due perfino dallo spazio: quelli di Cristoforetti e di Parmitano. Il Museo del Bottone è stato visitato da gruppi di suore, di frati e anche dal Vescovo Monsignor Lambiasi e pensavo tra me e me "ora manca il Papa!".

    I Bottoni Giapponesi

    Preziosi bottoni giapponesi

    Diamante blu e la comunicazione dei bottoni

    In questo post presento due personaggi di cui ho già scritto, ma sotto un altro punto di vista, ed uno strano bottone a rebus. Si affronta il problema della comunicazione senza compromettersi troppo. Il bottone è sempre stato, generalmente, nella parte anteriore all’abito e quando qualcuno voleva far sapere una cosa e non la poteva dire, faceva parlare i bottoni.

    Un piccolo bottone: viaggio dallo spazio al Museo Gallavotti

    Il 09 Maggio 2016 è arrivato al Museo un bottone molto speciale: un bottone che è stato nello spazio, inviato dall’astronauta Luca Parmitano che nel 2013 ha soggiornato per circa sei mesi all'interno della International Space Station , (ISS - Stazione Spaziale Internazionale). Il 09 Giugno 2016 è arrivato al Museo anche il bottone della polo di Samantha Cristoforetti, polo che gli astronauti portavano durante la missione.

    Cosa può mai dire un bottone?

    A Santarcangelo di Romagna dal maggio 2008 è visitabile il primo e l’ unico Museo del Bottone in Italia. Molte persone mi chiedono perché il Museo ha un grande successo attirando tanti visitatori e che cosa trovano in un bottone, oltre alla curiosità della moda e della trasformazione dei modelli e dei materiali.

    L’astronauta Parmitano dona il suo bottone

    L'’astronauta Luca Parmitano, che ringraziamo di tutto cuore, ha inviato un bottone della sua polo, che portava nello spazio, con tanto di certificazione sia della missione 2003 sia bel bottone.

    Il bottone di Birkenau

    In occasione del giorno della MEMORIA DELLA SHOAH il 27-01-2012 Il Museo mette in primo piano un bottone che è stato trovato a BIRKENAu, nel campo di concentramento in Polonia, a tre km da AUSCHWITZ.

    Personaggi e bottoni – Antonio Meucci

    In questo post vi presento un personaggio famoso. Premesso che quando succedono degli avvenimenti importanti ed eclatanti, di qualunque genere e di qualunque tipo, nella società italiana o mondiale, che hanno impressionato la gente e che ne ha fatto argomento di discussione, uno stilista, a volte due, a volte tre, del popolo, ha creato un bottone con la simbologia di quell’avvenimento, che diventa una pietra miliare della nostra storia e testimone di quell’ evento. Nella storia del 1900 vi sono oltre 100 bottoni testimoni di avvenimenti.

    Nobili e bottoni

    Siamo nel 1800 con tre bottoni con la figura di Maria Antonietta, ghigliottinata dalla Rivoluzione Francese nel 1793. Le figure sono sempre postume alla loro vita. Il primo bottone è una miniatura su carta pitturata a mano, sotto vetro con un cerchio dorato, con otto zaffiri bianchi e otto rosette di metallo. Il secondo su materiale di sintesi, pitturato a mano, una miniatura su carta sotto vetro con un cerchio in rame. Il terzo un bottone di lega metallica.