Edfu: Le origini celesti della Fondazione Templare – Il “libro caduto dal Cielo”

0
794

Edfu, Tempio di Horus: sulle pareti del muro di cinta interno vi sono riferimenti precisi ad un testo mitologico. In esso sarebbero state contenute le regole di costruzione e i piani dell’architettura templare. La complessità architettonica e l’armonia della struttura del tempio tolemaico rimandano quindi a un progetto che nelle sue linee guida risalirebbe alla più profonda antichità. Le raffigurazioni della sua sala ipostila e di altri ambienti ci descrivono dettagliatamente i Rituali di Fondazione che ne hanno determinato le direttive principali. Le “Parole degli Dei” narrano anche di un Sacerdote “Imhotep il Grande, figlio di Ptah” responsabile del Grande Piano di Fondazione del tempio: lo stesso nome del famoso architetto Imhotep vissuto all’epoca del faraone Djoser, della III dinastia, 2500 anni prima della fondazione tolemaica del tempio di Horus. Approfondimenti e ricerche su questi temi, corroborati da testimonianze di antichi scrittori del periodo greco-romano, e dallo studio di altre strutture sacre, ci porteranno ad una migliore comprensione del milieu culturale del popolo egizio e ad una interessante conclusione sul tema della Fondazione Templare.

Scarica l'articolo in formato pdf

Condividi
Articolo precedenteAl Museo Egizio va in scena “A casa di Kha”, una visita guidata per scoprire la vita quotidiana degli antichi egizi
Prossimo articolo#accaddeoggi 16 gennaio 27 a.C. Ottaviano riceve il titolo di Augusto
Andrea Vitussi

Nato a Trieste nel 1956, dopo gli studi scientifici al Liceo e la laurea in Scienze Biologiche, si è inserito nel mondo del lavoro cambiando spesso settore (industria alimentare, Sanità, Laboratori di analisi biomediche) per approdare alla fine al settore informatico. Dopo un corso intensivo presso il Centro Informatico di Trieste, si è ritrovato a lavorare in campo assicurativo nel dipartimento informatico. I suoi interessi sono molteplici: la cultura egizia e l’archeologia, le arti marziali, la fotografia, il disegno, l’arte plastica, la musica. La sua passione per l’Egitto è nata verso i primi anni ’80 e si è trasformata in una dedizione costante ai temi storici e culturali della civiltà egizia di tutti i periodi. In particolare la passione per i geroglifici si è consolidata mediante un corso triennale con il prof. M. Chioffi che gli ha reso possibile la lettura dei testi del Medio Egizio. Dal lontano 1982 i viaggi nella terra dei faraoni, sono divenuti una costante annuale, consentendogli una conoscenza varia ed estesa dei siti archeologici conosciuti e di quelli meno frequentati.  In seguito all’interesse per argomenti specifici, anche l’epoca tolemaica è entrata nel novero dei soggetti di studio. Nel 2007 diventa uno dei soci fondatori dell’Associazione Egittologia.net, del cui sito ha curato la sezione fotografica. Dal 2008 fino ad oggi tiene ogni anno conferenze e monografie su temi esclusivamente egizi nelle sedi di associazioni triestine e friulane a Trieste e Udine. E’ costantemente in  stretto contatto con il Museo dell’Orto Lapidario – Sezione Egizia di Trieste. Produce come co-autore nel 2008 del libro “Tutankhamon, immagini e testi dall’ultima dimora” in collaborazione con alcuni dei soci fondatori del sito Egittologia.net.