La regina Abar: figlia del re, sorella-sposa del re, madre del re

0
759

Gli egiziani strutturavano i vari aspetti dell’esistenza in un modello che muoveva dall’unità alla dualità alla pluralità, per tornare di nuovo all’unità. Tale movimento è posto all’interno del contesto del dualismo sessuale che ha la sua espressione iniziale nell’androginia della divinità capo. L’androginia è una formula arcaica e universale utilizzata per esprimere la totalità, la coesistenza dei contrari: essa simboleggia la perfezione di uno stato primordiale non condizionato.

In Antico Egitto una tendenza a descrivere il creatore come maschio-femmina può essere visto nei Testi delle Piramidi, nella descrizione della nascita di Shu e Tefnut, nella formulazione dei ruoli di Ptah e Neith.

Come conseguenza di tale concezione è da vedere il modello della regalità femminile egiziana, la quale riflette l’interazione di maschio e femmina come elementi dualistici del creatore. Caratteristico del contesto culturale egiziano è di collegare uomini e donne gli uni agli altri come membri di una famiglia; lo strutturare il loro rapporto nei termini dei ruoli familiari. Lo scopo del prototipo femminile risulta così essere quello di generare nuova vita per fornire quel continuum ciclico che sia in grado di assicurare il rinnovamento della forza vitale nella famiglia; quindi un mezzo di rinascita che troviamo espresso nei ruoli di “madre”, “moglie”, “sorella”, “figlia”.

Scarica l'articolo in formato pdf

Condividi
Articolo precedenteAl Museo Egizio va in scena “A casa di Kha”, una visita guidata per scoprire la vita quotidiana degli antichi egizi
Prossimo articolo#accaddeoggi 16 gennaio 27 a.C. Ottaviano riceve il titolo di Augusto
Francesca Pontani

Svolgo la professione di Redattrice di testi per l’Editoria online collaborando come Consulente nella programmazione tematica e Redattrice nella stesura di testi, principalmente di carattere Turistico-Culturale.

Sono Copywriter e scrivo SEO friendly, cioè scrivo testi in modo tale che siano ottimizzati per i motori di ricerca.

Ho conseguito la laurea in Lettere, Quadriennale Vecchio Ordinamento, indirizzo Egittologia, con votazione 110 e lode presso l’Università di Roma La Sapienza, discutendo la tesi dal titolo:” Kahun. Città del Medio Regno”.

Ho partecipato a numerose campagne di scavo archeologico, come l’indagine condotta presso il Tempio della Magna Mater sul Palatino, a Roma, diretta dal Prof. P.Pensabene e lo scavo che ha interessato la sommità dell’antica Acropoli delle città etrusca di Populonia, a Poggio del Telegrafo, (Piombino) diretta dalla Prof.ssa G.Bartoloni.

Estremamente interessante e coinvolgente, dal punto di vista etnografico ed archeologico, è stata la ricognizione di superficie guidata dal Prof. G.M.Di Nocera intorno l’antichissimo sito di Arslantepe, nella piana di Malatya (Turchia orientale), con l’obiettivo di individuare, schedare e geolocalizzare i siti archeologici soprattutto nell’arco cronologico del V-II millennio a.C.

Sono un’esploratrice urbana e ho iniziato a mettere su youtube le mie camminate archeologiche rigorosamente on the road con il canale ARCHEOTIME e sui Blog ARCHEOTIME e TRA I PINI DI ROMA