Il Cavaliere Marafioti

0
1676

Il Gruppo equestre di Locri Epizefiri, come venne chiamato da Paolo Orsi al momento della sua scoperta, deriva dal riassemblaggio dei frammenti in terracotta rinvenuti durante le campagna di scavo del 1910 sul fianco occidentale del tempio dorico in località ‘Casa Marafioti’ (dal nome della famiglia proprietaria del luogo ove fu rinvenuto il tempio).
Il cosiddetto Cavaliere Marafioti è frutto dell’attento lavoro di assemblaggio di circa186 frammenti ad opera del restauratore Giuseppe Damico grazie alla ricostruzione grafica di Rosario Carta, su indicazione di Orsi… Durante l’intervento di ricomposizione furono assemblati i numerosi frammenti per mezzo di staffe, grappe metalliche, supporti interni di diversa natura, quali legno e stucco, al fine di recuperare nella sua interezza l’articolata opera plastica che raffigura un giovanetto a cavallo sorretto da una sfinge; per raggiungere tale scopo furono necessarie importanti reintegrazioni, indispensabili per risarcire le numerose lacune, ma anche per assicurare la tenuta statica dell’intero manufatto. Il restauro, condotto magistralmente da Giuseppe Mantella e Sante Guido, ha permesso di restituire al pubblico dei visitatori del Museo Archeologico di Reggio Calabria, luogo deputato all’esposizione del reperto, l’opera così come doveva essere all’epoca della realizzazione. Grazie alla sponsorizzazione tecnica nell’ambito del Progetto di Intesa Sanpaolo “Restituzioni”, la digi.Art ha avuto il privilegio di seguire e digitalizzare tutte le fasi dell’ultimo restauro del Cavaliere di casa Marafioti, un gruppo scultoreo in terracotta costituito da una sfinge alata sormontata da un cavallo e da un cavaliere. Questa tripartizione offre già il primo spunto per approfondire le conoscenze sulla composizione dell’opera.

Condividi
Articolo precedenteRisse all’anfiteatro: Pompeiani vs Nocerini
Prossimo articoloPer celebrare la bellezza al femminile, un allestimento “diffuso” sugli specchi dell’antichità
Alessandra Randazzo

Redattrice e Social media manager per Mediterraneo Antico.

Laureanda in Lettere Classiche presso il DICAM dell’Università di Messina. Durante la carriera universitaria ha partecipato a diverse campagne di scavo e ricognizione: per la cattedra di Archeologia e Storia dell’arte Greca e Romana presso il sito dell’antica Finziade, Licata (AG) sotto la direzione del Prof. G. F. LA TORRE e del Dott. A. Toscano Raffa, Febbraio-Maggio 2012; per la cattedra di Topografia Antica presso Cetraro (Cs) sotto la direzione del Prof. F. Mollo, Luglio 2013.

Ha inoltre partecipato con conseguente rilascio di attestato ai corsi di: “Tecnica Laser scanning applicata all’archeologia” in collaborazione con il CNR-IPCF di Messina, Gennaio 2012; Rilievo Archeologico manuale e strumentale presso l’area archeologica delle MURA DI RHEGHION – TRATTO VIA MARINA, Aprile-Maggio 2013; Analisi e studio dei reperti archeologici “ Dallo spot dating all’edizione” – Maggio 2014; “Geotecnologie applicate ai Beni culturali” nell’ambito delle attività della cattedra di Topografia Antica, Marzo-Aprile 2016.

Collabora occasionalmente con l’ARCHEOPROS snc con cui ha partecipato alle campagne di scavo: “La struttura fortificata di Serro di Tavola – Sant’Eufemia D’Aspromonte” sotto la direzione della Dott.ssa R. Agostino(Soprintendenza per i Beni Archeologici della Calabria) e della Dott.ssa M. M. Sica 1-19 Ottobre 2012; Locri – Località Mannella, Tempio di Persefone sotto la direzione della Dott.ssa R. Agostino (Soprintendenza per i Beni Archeologici della Calabria) Ottobre 2014;

Nel Marzo 2014 ha preso infine parte al Progetto “Lavaggio materiali locresi” presso il cantiere Astaldi – loc. Moschetta, Locri (Rc) sotto la direzione della Dott.ssa M. M. Sica.